Libri fotografici essenziali (1)

20 Lug 2020

 

libri di fotografia essenziali

 

Vice

Quando ho iniziato a guadagnarmi da vivere con i miei primi incarichi fotografici, più di 25 anni fa, avevo due chiari “vizi”, la musica e i cataloghi fotografici. A quel tempo non avevo ancora messo in piedi il mio primo studio e quindi non ero ancora consapevole del significato di “vivere per pagare”. I miei unici investimenti sono stati i dischi e i libri contabili, e non avevo intenzione di fare molto di più. Ero felice con così poco o… così tanto, a seconda di come la si guarda. Infatti, quando ricordo nella mia mente alcuni passaggi della mia precedente giovinezza, posso ancora chiaramente rivivere quella sensazione quasi orgasmica di strappare l’involucro di plastica e scoprire il design interno di un CD di Mike Oldfield o Wim Mertens, o le fotografie in un catalogo di Duane Michals, Jan Saudek o Helmut Newton. Di solito questa scena si svolgeva su un treno, a casa, dopo aver liquidato gran parte del mio reddito nei negozi di musica e nelle librerie della capitale, e credo che la mia estasi fosse più che evidente perché quando mi guardavo intorno non era raro imbattermi in qualcuno che mi guardava come se fossi lo stesso Gollum immerso nel suo “tesoro”.